Caso Ior, «chiesti otto anni per l’ex presidente Caloia»

La condanna a otto anni per riciclaggio, autoriciclaggio e peculato sarebbe stata chiesta dal vicepromotore di giustizia vaticano Alessandro Diddi per l’ex presidente dello Ior, Angelo Caloia e l’avvocato Gabriele Liuzzo, oltre alla confisca diretta dei 32 milioni di euro già sequestrati sui loro conti anche presso lo Ior, e la confisca per equivalente di altri 25 milioni di euro. Lo scrive Huffington Post, ma la notizia non è stata confermata dalle fonti ufficiali del Vaticano. La Sala Stampa aveva dato notizia della prima udienza il 9 maggio 2018.

Pubblicato da

Il blog dei sacerdoti sposati è stato fondato nel 2003. L’accesso ai servizi è riservato agli utenti che sostengono il sito con un libero contributo per le finalità del movimento legato all’associazione di volontariato “Chif – Liberi e solidali” (registrata civilmente). Per informazioni sacerdotisposati@gmail.com