Pregare e agire

Dio tra le righe

Come ci rapportiamo a Dio è faccenda seria e discussa.

Pregare è un do ut des che ci vede impegnati nell’idea che Dio sia un bancomat di favori?

Oppure sono altri gli atteggiamenti con i quali relazionarci con l’Altissimo? In una sua mirabile pagina intrisa di dialoghi, di cui è un indiscusso maestro, il romanziere francese Eric-Emmanuel Schmitt, nel libro La donna allo specchio (e/o) scrive così: «Cos’è che chiami pregare?».

«Ringrazio. Mi concentro per evitare il male». «Chiedi a Dio dei favori?». «Non lo vado a scocciare con le mie storie». «Lo supplichi di intervenire in aiuto degli altri?».

«Se possibile preferisco agire».

Richard Leonard, un gesuita australiano la cui sorella è rimasta paralizzata in un incidente stradale, ha scritto un meraviglioso testo sul problema della presenza di Dio dentro la sofferenza, Ma dove diavolo è Dio? (Emp).

Leonard afferma che pregare Dio per fare piovere (per esempio) è trattare Dio da sciamano. Quello che dobbiamo fare nella preghiera è chiedere che noi cambiamo per diventare più docili e responsabili di fronte alle faccende della vita.

Le righe di Schmitt sopracitate ci invitano a far questo: la preghiera come l’abitare un luogo di ringraziamento e di ricarica per trovare le energie con cui cambiare (in meglio) il mondo intorno a noi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicato da

Il blog dei sacerdoti sposati è stato fondato nel 2003. L’accesso ai servizi è riservato agli utenti che sostengono il sito con un libero contributo per le finalità del movimento legato all’associazione di volontariato “Chif – Liberi e solidali” (registrata civilmente). Per informazioni sacerdotisposati@gmail.com