2021, le richieste delle chiese Usa al duo Biden-Harris

Dallo stop alla pena di morte all’impegno sul razzismo, dall’Armenia alla Palestina, la lunga lista di aspettative del Consiglio nazionale di chiese cristiane degli Stati Uniti sottoposta ai nuovi inquilini della Casa Bianca

Il Consiglio nazionale delle Chiese di Cristo negli Stati Uniti (Ncc) è da 70 anni una voce principale della testimonianza del Cristo vivente. Ncc è una comunità di alleanze diversificata di 38 denominazioni membri con oltre 35 milioni di individui in 100.000 congregazioni di tradizioni protestanti, anglicane, storiche afro-americane, ortodosse, evangeliche.

Per il 2021 il Consiglio nazionale delle chiese statunitense ha stilato una lista delle personali priorità da consegnare ai nuovi inquilini della Casa Bianca, Joe Biden e Kamala Harris, un ampio elenco che riproduciamo qui di seguito:

  • «Mentre stiamo aspettando che un altro pacchetto di aiuti Covid venga approvato dal Congresso, sappiamo che ciò che è stato approvato non sarà sufficiente per far superare alla nostra nazione l’ulteriore ondata che è certo accadrà durante i mesi invernali e le ricadute economiche che seguiranno. Esortiamo la nuova amministrazione a collaborare con il Congresso e a utilizzare gli strumenti a sua disposizione per garantire che le persone siano al sicuro e che i loro bisogni fondamentali siano soddisfatti mentre combattiamo questa pandemia globale.
  • Chiediamo inoltre all’amministrazione di estendere la moratoria sugli sfratti abitativi e la tolleranza sul prestito studentesco oltre il gennaio 2021.
  • Esortiamo la nuova amministrazione a sviluppare una strategia nazionale per mantenere le persone al sicuro durante questa pandemia, nonché un modo giusto ed equo per la diffusione e la somministrazione del vaccino alle comunità più vulnerabili. NCC è disposto a collaborare, per quanto possibile, con la nuova amministrazione su questi sforzi. In gennaio avvieremo una campagna di educazione pubblica per informare sulla sicurezza e l’importanza di essere vaccinati e sul ruolo che le chiese possono assumere nel proteggere le loro congregazioni.
  • La pandemia globale e la resa dei conti razziale che si è verificata questa estate dopo la morte di Ahmaud Arbery, Breonna Taylor e George Floyd e di molti altri, ha messo in luce la necessità per l’America di affrontare il razzismo sistemico. A tal fine, chiediamo alla nuova amministrazione di affrontare il crescente divario di ricchezza, equità economica e disparità in materia di salute e istruzione.
  • Chiediamo alla nuova amministrazione di utilizzare tutte le risorse disponibili per riunire i bambini che sono stati spietatamente separati dalle loro famiglie al confine entro i primi 100 giorni con urgenza. Questi bambini e le loro famiglie sono stati traumatizzate e separate per troppo tempo. È necessaria un’azione immediata anche per invertire le politiche dannose della precedente amministrazione al confine.
  • Esortiamo inoltre la nuova amministrazione ad aumentare immediatamente ogni anno il limite al numero di rifugiati autorizzati a entrare nel nostro paese.
  • Esortiamo la nuova amministrazione a porre fine alla pena di morte federale e a proteggere gli individui e il personale incarcerati dal COVID-19.
  • Chiediamo di ridurre rapidamente la popolazione incarcerata rilasciando immediatamente le persone anziane e vulnerabili dal punto di vista medico, chiunque si trovi a 18 mesi dalla data di fine pena e trasferendo quelli in custodia cautelare in isolamento domiciliare.
  • La pandemia di coronavirus ha anche approfondito ed esacerbato il digital divide. Con così tante scuole che passano a classi solo online o ibride, molti studenti senza accesso a Internet stanno rimanendo indietro e amplificando le disparità per le comunità a bassa ricchezza, in particolare quelle di colore. Esortiamo la nuova amministrazione a prendere questa decisione e utilizzare gli strumenti disponibili per espandere l’accesso a Internet a queste comunità.
  • Dal 1968, il Consiglio nazionale delle Chiese ha chiesto la fine del blocco economico, finanziario e commerciale imposto a Cuba. Siamo stati grati per i passi positivi compiuti dall’amministrazione Obama-Biden verso Cuba e attendiamo con impazienza una ripresa di tali sforzi.
  • Ncc è profondamente preoccupato per la crisi tra Armenia e Azerbaigian. L’Armenia è il più antico paese cristiano del mondo e la Chiesa armena ortodossa è una parte importante del movimento ecumenico. Siamo profondamente preoccupati che la giustizia per l’Armenia si realizzi all’indomani della recente guerra con l’Azerbaigian.
  •  La comunità cristiana in Israele / Palestina continua a soffrire a causa dell’occupazione in corso. Mentre i cristiani palestinesi continuano a emigrare, ci troviamo di fronte alla reale prospettiva che la sopravvivenza della presenza cristiana indigena in Terra Santa possa presto essere in pericolo. Garantendo che il governo degli Stati Uniti sia fermamente a sostegno della pace e della giustizia per tutti nella regione, la vostra amministrazione può aiutare a garantire che la comunità cristiana, insieme a tutti in Terra Santa, possa prosperare. Per evitare che la situazione si aggravi, chiediamo al presidente eletto Biden di condannare pubblicamente l’assassinio dello scienziato iraniano Mohsen Fakhrizadeh, dimostrare moderazione e cercare attivamente l’allentamento delle tensioni. Ulteriori minacce, sanzioni e uso della forza militare destabilizzeranno ulteriormente la regione e porteranno alla perdita di preziose vite umane da tutte le parti».
  • riforma.it
Il blog dei sacerdoti sposati è stato fondato nel 2003. L’accesso ai servizi è riservato agli utenti che sostengono il sito con un libero contributo per le finalità del movimento legato all’associazione di volontariato “Chif – Liberi e solidali” (registrata civilmente). Per informazioni sacerdotisposati@gmail.com