Nel cuore della notte

Nel cuore della notte

nel buio più profondo delle nostre notti

ci sono delle luci che sonnecchiano

ci sono dei tizzoni che vegliano

ci sono anche, forse, lo sai tu amico mio,

ci sono degli occhi che si svegliano.

Basta così poco perché la cenere si accenda.

Basta così poco nel cuore della notte dell’altro,

perché si infiammino in lui i suoi tizzoni addormentati.

Se tu conoscessi la strana forza del tuo sguardo.

Basta così poco: una strizzatina d’occhi,

una pressione delle dita…e tutto diventa possibile.

L’uomo che dormicchiava nella bestia

si ridesta a quello che vi è di meglio in lui.

Basta così poco…

E vedrai che alla frontiera dell’altro

Sorgerà “l’Insolito”.

Colui che non si aspettava.

Colui che non si aspetta più.

Eppure è ben là quell’Altro,

talmente là, talmente presente a me,

a te…a noi, che puoi dire come Giacobbe:

“Era là ed io non lo sapevo”.

Robert Rider (Fenestres ouvertes)